tom-tom-luisin
Giugno 2016 
Questo racconto sulla “toponomastica di alter” mi ha divertito molto, e posso garantirti, che i casi succesi al Luisin, sono successi a tutti i colleghi che abbia svolto la professione, anche solo per qualche anno.

 

 

Per leggere tutto il post clicca sull'immagine a lato oppure qui

 

La guida tascabile??? smile25x3    


Non trovi anche tu, che questa definizione sia tanto “tenera” quanto anacronistica?
Oggi, non di rado può succederti che salendo su un taxi in Duomo, se chiedi di essere portato in… via Durini, il “tassista” per sapere il percorso da fare, digita… “Durini via” nel TomTom!  Heeee l'è dura, lè dura!

Sono sicuro che se oggi il Nostro Luisin, svolgesse ancora l’attività, direbbe: TomTom? No grazie.  

Buona lettura elbor


 

luisin-cover

 Toponomastica alegra

 

On brav sciafoeur de piazza, on brav ghisa, in teoria, dovarien cognoss tucc i strad de Milan senza bisògn de la guida tascabil. 

Avevi incomiciaa a imparà a memòria la guida di strad de Milan perchè vorevi andà al "Lascia o radoppia".  Ma quand son rivà a la metà de la lettera "A" hoo piantaa lì tuscòss perchè me girava el coo.

Ma l'è minga assee tegnì la guida in sacòccia, prima de tutt perchè i strad in periferia vègnen sù compagn di fong e la guida mai pù che la poo vess aggiornada e poeu perchè con l'invasion ** di fradei de la bassa, succed che lor stròppien i nòmm in d'ona manera che interpretai l'è on rebus come quei de la "Settimana enigmistica".

E allora bisògna guzzà l'ingegn. E inscì se impara, che la Via "Ciccirillo Stazione" la gh'ha nagòtt a che fà con la Stazion, perchè l'è la Via Cecillio Stazio. Che la Via "Deami" l'è la Via De Amicis. La "Via Don Struzzo" l'è la Via Don Sturzo. La "Via Macche Macon" l’è la Via Mac Mahon. E de già che semm in di paraggi gh'è la Via Espinasse che i milanes ghe disen "Via Spinazz".

On quei esempi de rebus? Eccola, l'è subit pront.

On dì ven sù sul tassi on giovinòtt del tacch ch’el voeur and'à in Via Sforza.

“Ghe n'è dò, de Via Sforza, el Francesco, e l'Ascanio. Qual'è d'on Sforza che lù el voeur anda?”

“Nun saccio”

“Andemm benone.” A l'è giamò staa lì ona quei vòlta? El saria in condizion de ricognossela?” El dis de sì, e allora se mettom in moviment. La Via Francesco Sforza a l'è lì in centro in doe passa sòtt el vegg navili, la via dell’ospedall Maggior. Ma l' era nò quella ch'el cercava el client. Vemm in Via Ascanio Sforza, a Pòrta Cicca dove gh'era l'osteria de la Briosca, ma l’è nanca quella.

Vorii savè chi l'è che m'ha daa la soluzion del rebus? El giovinòtt de la bassa, pròpi lù perchè el gh'ha faa sù on penser.

“Ascanio? Nò... ma è un nome che comincia pure isso per A... Or ora m'arricordo... armato... Via Sforza”

Chi  torna in ball  l'enigmistica.  Metemm denanz la parentella e salta foeura:

“Sforza Armato” che segond lù l’era come dì Via “Forze Armate”... Se và de corsa a Bagg... e minga a sonà l'òrghen.

Alter esempi. Ona dònetta de campagna la ven sù ’l tassi cont on bigliett che gh'era scritt con l'apis: “Piazza Baldassarre” Sù la guida ona piazza con stoo nòmm la gh’è nò, ma gh'è la Via Baldassarre Castiglione, ghe vemm, ma nient de fà. Voo al mandamend di  ghisa,  che  lor gh'hann  anca  la lista di strad noeuv, ma de Baldassarre nanca l'ombra.

L'hoo dii che bisogna guzzà l'ingegn! Ciappi in man el bigliett, el guardi, el giri, el pirli de sòtt sora...gh'è on numer... el sia el  numer  d'on telefono?

“Pronto! Parlo con il numero 826365?”

“Sissignore, lei chi è?”

“Sont on tassista... a l’è lù che sta de cà in Piazza Baldassarre?

“Piazza Baldassarre sono io, o se preferisce, Baldassarre Piazza, telefono, 826365, abito a Ronchetto delle rane”

Terz esempi. Duu crocchi m’hann ditt de portai a l'Emo. A l'Emo? Ghe pensi sora...  a ecco la Via Angelo Emo. per vess pusse  sicur, ghe foo:

“Andare Via Emo?”

E lor risponden: “Ja ja!”

E mi voo decis in Via Emo  che l'è a metà de Via Padova. Ma quand semm là, disen che và minga ben. Barbòtten sù on queicòss, me par in tedesch, e poeu tiren foeura on bigliett che gh'è sù stampaa:

“Fiera Campionaria di Milano E.M.O,  Esposizione  Macchine Operative.  Entrata Porta Carlo Magno”

Hoo volta giò de la part contraria e i hoo portaa a la Fera con des chilòmetri de pù de tassametro. Ma che colpa ghe n'avevi mì?

D'on sit de l'altra part del Pò, riva ona dònna che la voeur fass portà a Cologn.

“Va ben, va ben... la me daga l’idirizz giust.”

“Non m'arricordo, ma basta il nome... Colascione... ci stà mio fratello... Nicola”

“Sciora che la guarda che Cologn l'è granda e cercà el scior Colascione, senza avegh l'indirizz, l’è come cercà ona guggia in d'on pajee”

“Jammo jammo... conosco il luogo, e poi non si può sbagliare... lu fratello mio fa il meccanico”

Foo come la dis e voo a Cologn, ma quand se riva là... stà pòra dònna, la se troeuva come on pòresin in de la stoppa. Gira de chì, gira de là... adree i sò indicazion.

“A fianco della chiesa... di fronte al supermercato... dove ci stà la farmacia...”

Nient de fà... se và a taston. Allora ghe foo:

“Sciora se vemm inanz inscì ghe riva de paga pussee de quanto la spenduu per vegnì a Milan dal sò paes. L'è mej che la paga la corsa e che la vaga in gir a pee a domandà del sò fradell”

O giusta! La se inrabida e l’ha ditt che la doveva nò pagà perchè nun s’emm obligaa a savè semper dove se dev andà.

“Ma che pretesa sciora! Come foo mi a savè dove stà de cà el sior Colascione...”

Ma isso si chiama Nicola e fa lu maccanico!”

“Cosa voeur dì? De Nicola che fà el meccanich ghe n'è 'na sfilza anca a Cologn”

“Ma isso è specializzato!”

“Lee de dove la ven?”

“Da Sannicandro a Mare”

“E ben, a Sannicandro de meccanich specializzaa ghe ne sarà vun, o un para al massim, ma chi de nun ghe n'è centmila e passa.”

“Centumila? Madonna Madonna miraculata... San Nicola nostro... aiutateci voi... centomila?”

A falla curta, son riussii a scaregala, ma son minga staa bon de piantala lì sperduda in d'on mond tròpp divers per lee. Per combinazion hemm trovaa vun de la bassa che l'ha ditt:

“Sannicandro a Mare? E' lu paese mio! Nicola Coloscione? lo conosco...”

“Dove abita?”

“Non lu saccio ma vi porto da un altro paesano che lo sà” 

E de già che se parla de strad, che hinn el nòster pan, voraria  anca mì, modest sciaffoeur de piazza, buttagh là al scior Sindegh, el mè penser.

Hoo faa ment, per dinn voeuna, che quand Milan el se slargaa de la di bastion, ai strad ghe daven i nòmm cont on certo criteri.

A Pòrta Vittòria gh’è i viii cont i nòmm de quei che seren battuu sui barricad: Dandolo, Anfossi e i alter.

A Pòrta Monfòrt se partiva del Cors Concordia per andà al Risorgiment e de lì a l'Indipendenza, Plebisciti, Tricolor, Argonne e lì sul gir i Fratelli Bronzetti, Fratelli Bandiera... e compagnia bella.

Sul pòst del Lazzarett i nòmm Tadino, Settala, Felice Casati, menzionaa del Don Lissander. A Pòrta Magenta, i pittor, Giotto, Raffaello Sanzio e quei compagn de lor.

Per on sciaffoeur de piazza saria ona gran comodità savè de colp de che parte el dev andà, magara al quartier di città  lombard, o magara al quartier di città de l’Australia, di poetta, di generaj, di mòrt in guerra...

Se podaria minga fà tesòr de l’esperienza di nòster vègg? Senza però cambià i nòmm che gh’hinn giamò, perchè saria on rebelòtt de quei coi fiòcch. 

Al dì d'incoeu i nòmm, vègnen cambiaa de spess... segond el vent che tira.   Domà quei di sant e quei de la famiglia real, rester lì semper al sò pòst. Chissà perchè? 

   ... e s’ciavo !

 


 

**  ndr. 'Se, relativamente alla definizione "guida tascabile - TomTom, il racconto del Luisin si è dimostrato anacronistico, per quanto riguarda la questione e l'utilizzo della parola/concetto... "invasion" si dimostra indubbiamente precursore e lungimirante. 

 tom-tom-luisin

 


 

sos-mail
Se necessiti di un paio di consigli tecnici, per lasciare il tuo commento a questo a questo racconto, clicca sull'icona SOS Mail qui a lato, ed accederai alla scheda tecnica, che in quattro semplici passaggi ti chiarirà tutti i dubbi.
Se scrivom... elbor

 

Aggiungi commento