luis-libro
Ottobre 2015
Questo mese, quando sono andato dalla Ada per la chiacchierata alla quale mi ha abituato, le ho raccontato che ho conosciuto (per ora solo per cell. e face – abbreviazione di Facebook. L’ho imparata dalla figlia di un amico) il Marco, Carcano, il figlio del Luisin tassista. 

 

 

 

 

Per leggere tutto il post clicca sull'immagine a lato oppure qui

 

 

Ada, si è alzata e dirigendosi verso la sua stanza, e mi ha detto: spetta, spetta lì. Te foo vedè una roba. È tornata con un librone, che a fatica riusciva a reggere, da tanto era grosso e pesante. L’ha appoggiato sul tavolo dicendo: bravo, proppri bravo el Luisin e anca ona brava persona. E con molto orgoglio mi ha mostrato che il suo è… dedicato. 

 luis-dedica

Quando stavo facendo il montaggio di questa foto, pensavo che è veramente un concentrato di creatività, arte e milanesità. C’è il libro del Luisin tassista, apprezzato poeta e narratore in dialetto milanese, che è stato regalato e dedicato ad Ada Lauzi, la quale, della milanesità e della poesia meneghina è l’emblema, come la Madonnina lo è di Milano e che la copertina, è stata realizzata da un altro riconosciuto meneghino DOCG.

Il figlio Marco, sta facendo un ottimo lavoro per mantenere la memoria artistica di suo padre. A giorni alterni, pubblica sulla pagina Facebook: Parliamo in dialetto Milanese  (per andare alla pagina clicca qui) un componimento di suo padre. 

Invece a noi, per continuare l’iniziativa del mese scorso, da “Quand fasevi el sciaffoeur de piazza” ha mandato questo “El prezzi de la corsa”.

Buona lettura. elbor

 


testata-luisin

El prezzi de la corsa

 

Piazza de la Scala. El Leonard el guarda giò dal pedestall del liter in quatter. I sò quatter scolar che ghe stann in gir, disen nagòtt.

Son fermo lì denanz del negòzi de giornai sul canton de la Galleria, quand ven a dimandamm se 'l tassi l’è liber on tòcch de giovinòtt, cont on sachettin de plastica de quei del supermercaa.

El voeur andà in Via Sarfatti a Pòrta Loduvica.

“Bene... salga” Sbassi el tassametro, e via che se và!

Apèna svoltaa de Santa Margherita borlomm denter in d'on còrteo de disoccupaa.

Pian pianòtt ghe tègni 'dree, oeucc a la strada e senza mai voltamm indree e nemen sbircià in del spegett retròvisor.

In Via Sarfatti fermi e el client me dimanda el prezzi de la corsa, me giri e resti lì de sass.

Al pòst del giovinòtt gh'è ona splendida tosa cont ona massa de cavei biond giò per i spall e con denanz duu respingent foeura misura.

Lì per lì, pensi de vess 'dree insognamm me doo on spizzigon per dissedam.

Ch'el giovinòtt el sia saltaa giò intant che andavom e al sò pòst la sia vegnuda sù questa chi? Impossibil! Passaa el balordon foo ment che semm in Via Sarfatti apos del Parco Ravizza, paradis de chi tai che ghe disen “travestiti” i “orègioni” in milanes.

Difatti, el client el trà via el sachett de plastica voeuj (dove gh'era sconduu la perucca che 'l sera miss in coo intanta che andavom 'dree a la procession di disoccupaa) Ma ciosca! L'è restaa in sorioeula cont ona mini-sòcca che lassava biòtt on bell para de garon de fà invidia a ona ballerina de prima fila.

Ghe disi el prezzi e el voeur mettom in man on bigliett de quei gross.

“La guarda sciora che gh’hoo minga el rest de dagh indree”

Cont ona vosetta on poo stramba la me dimanda scusa.

“Attendete quì un momento che vado a chiedere gli spiccioli a quelle mie amiche lì”

E lì, gh’era giust on ròccol de bei tosann (come lù) in mini-sòcca o senza (anzi ona queivoeuna la gh'aveva i “collant” fin sòtta al bamborin) e tucc, certi tachett sòtta i scarp ch'el pussee bass l'era de vint centimetri.

Se saluden, se brascen, se basen e se le cunten sù. Intanta riva on alter tassi e ven giò voeuna piscinina, grassa e cont on dedree che pareva el panetton de Natal... de quei bei gròss d'ona vòlta.

Altra scèna de compliment. El tassista l’era on mè amis, el Giovannin Giachetta, che me saluda, ma cosa ghe salta in ment a stoo tangher?

El passa arent ai orègioni e el ghe declama:

“Rudi Valentino... amore selvatico... ti ho perduto per sempre...”

L'avess mai ditt! Ghe vann intorna al tassi!

“Villano... screanzato... toh.. prendi questo...” E ghe tiraven pugn de foeuj de platen cattaa sù perterra.

Lù, veduda la mal parada, el schiscia el ciòd e el taja la còrda. Si ma chi là se la ciappen con mì.

“Voi tassisti siete tutti maleducati... antipatici... e ci sfottete sempre... meritate una lezione...!”

L'era on còro de vos de tucc i gèner, dal falsett al bass profond, ona vera orchestra e mì gh'agevi voeuja  de digh che ghe entravi on bell nagòtt... che seri lì domà per spettà el pagament de la corsa... e che quell tassista le cognusevi nanca.

“E sei anche un bell bugiardo, perchè vi siete salutati e lui ti ha detto: Ciao Luisin!... Figlio d'una baldracca! Fettuso...!”

E la traccagnòtta la m’ha pestaa la borsetta sul crappon.

Quand ho capii che la vegniva spessa hoo cominciaa a vosà:

“Lassem andà se de nò foo vegnì chì la pola!”

Allora s’hinn dispers per i vialett del parco, vun de chì e vun de là. Hoo cercaa de tegnigh  'dree a la bionda de la Piazza de la Scala.

G’hoo vosaa:

“Oej tì... bella tosa... i danee del prezzi de la corsa?”

 E lee sta slandra la se vòlta con ona man sul gombet l’ha faa dondà el brasc a destra e a sinistra. . .

“El prezzi?... toeuh... ciappel chi”!

 

                                                                 ... e s’ciavo ! 

 

Aggiungi commento