duomo_vuoto
dicembre 202…
Non voglio nemmeno pronunciarlo questo maledetto anno. 

  

 

03022021 - 179 +75

  

Spero che il 2021 sia un anno, non dico bellissimo, nemmeno bello, mi basterebbe… “normale”.
Desidero per Milano e tutti i milanesi (me compreso) di tornare presto alla nostra vita, quella attiva, sempre di corsa, fatta di lavoro, tanto lavoro e amici, cinema, musei, feste, aperitivi, cene, apericene. Desidero che i giovani tornino – non alla movida – i nostri giovani vanno sui navigli. Ed io che non reggo più il loro ritmo, voglio tornare presto alle chiacchiere al bar, alle cene con gli amici, ai fine settimana al lago, rivoglio la mia Città ed esser libero di poterla raccontare ai cittadini di ogni Nazione.
Con un proposito propiziatorio, ho realizzato questo biglietto d’auguri.

Se ti piace, clicca sull’immagine, scarica il PDF e magari inoltralo ad un amico.

Uè se vedom… elbor

Per inviare gli auguri...

 

Se… stai utilizzando un computer, e desideri inviare il biglietto d’auguri, per allegarlo
(come una fotografia JPG) ad una mail, clicca col tasto destro del mouse sulla miniatura
e scegli l’opzione “Salva immagine col nome…”. La troverai nella tua cartella di ricezione file.

Se invece… stai utilizzando uno smatphone, e desideri inviarlo utilizzando per esempio WhatsApp,
tieni premuto sulla miniatura e scegli l’opzione “Scarica immagine” (per salvarla assieme alle tue foto)
oppure “Condividi immagine” per inviarla direttamente a un tuo contatto.

 

Per stampare gli auguri...
 auguri_2021_sitoQuesto file PDF - biglietto di auguri “singolo” -
misura 10x15cm, pertanto se stampato su un foglio
f.to carta A4 ne conterrà uno.


 n4_auguri_2021_sitoQuesto file PDF - 4 biglietti di auguri “ - misura 21x29,7cm (formato A4).
Per entrambe le stampe consiglio di NON attivare la funzione “adatta al foglio” 
per NON ottenere una copia ulteriormente ridotta,
che necessiterà di maggiori tagli carta di rifilo per ottenere 4 copie. 

sagrato_duomo_gente

 Questa è la Milano che amo.

 

 


 

Letterina de Natal

Carletto Oblò

L’era usanza, tanti ann fà,
quand rivava el Natal,
per numm fioeu, el preparà
on bigliètt on poo special.

Le vendeva el cartolee:
‘na bustina piscinina,
on fojètt de pòcch danee
con stampaa ‘na quai stellina

la comètta, el spongiratt
ò col vis’c tutt’indoraa
che mettevom sòtt al piatt
doe mangiava el nòster pà.

Per non scrivella tutt stòrt
ghe tiravom di righètt
cont el lapis on poo smòrt
per toeui via coi gommètt.

Tutt’i ann el stèss penser
“Cara Mama, car papà,
faroo sempr’el mè dover
de scolar e de studià,

saroo brao e pù on balòss
de caprizzi en faroo pù,
ve promètti che tusscòss
mì gh’el giuri al bon Gesù.”

I vottanta j’hoo passaa,
letterin ne scrivi pù,
ma dò righ voeuri proà
scrivii anmò al Bambin Gesù.

“Car Bambin che lì in la paja:
brasc avèrt, vestii de biòtt,
te soppòrtet ‘sta gentaja
comportass da paolòtt,

dagh a trà a ‘sto meneghin:
fà in manera che a Milan
el sparissa on ciccin
‘sto brutt virus maraman!”

Nó la mètti sòtta ‘l piatt
te la mandi con 'na mèi,
sì el soo, sont on malnatt,
fall per mì e i mè fradèi

 

 

 

 

 

 

16122020 - 8
19122020 - 104 + 96