cover-lunari-mini

Sabet 19 de November 2016
Sono soddisfatto e mi complimento davvero tanto, con tutti voi, alter che minga bon… cont el compiuter e i noeuf tecnologii. Dighel!

La questione… brevemente è questa. M’è vegnuu in del coo di fare il calendario del 2017, e come sempre, ho chiesto aiuto alla Cavanna, poi non contento, l’ho chiesto alla Bianca Mancuso, che entrambe hanno accettato (senza il loro aiuto non sarei nemmeno riuscito a partire) e per non farmi mancare nulla, ho coinvolto anche il Gianfranco Gandini.

Ok… fino alla raccolta delle adesioni è andata bene, già coi testi… qualche difficoltà è sorta. Averli da tutti, già in formato digitale, non è stato possibile: la maggior parte ha fornito il file, o perché alla fine si arrabatta, o chiedendo aiuto a nipoti e parenti. Solo alcuni non sono riusciti, essendo poi superdisponibili alle mie di esigenze.

Poi ho pensato che avrei voluto segnalarti l’iniziativa, qui dove la stai leggendo, ma mi sono ricordato che le poesie sei abituato ad ascoltare, allora mi son detto: chiedo a qualcuno (indovina a chi… P. C.) di leggerle per registrarle tutte assieme. Poi ho ricordato che ti piace sentire gli autori recitare le proprie poesie... Mi sono attivato, l'ho detto ai poeti e cominciato a raccoglierle. Ce l'abbiamo fatta!!! Tieni conto, per esempio, che la Pinuccia Giorgetti vive a Parigi e non schiaccia un tasto della tastiera de PC… nemmeno sotto tortura.

Probabilmente, con qualche sorrisetto compassionevole, accompagnato magari da un tè coni biscotti, è riuscita a farmi inviare dalla figlia addirittura il video della sua lettura, dal quale ho estrapolato l’audio, che in un’altra occasione ti mostrerò.

Il Crola… che possiede un cellulare del 1492 (pre-Colombiano)  come ben sai, lettore ufficiale delle poesie del Renato Colombo, ha coinvolto la figlia (munita di Galaxy 7.295 versione Extra) la quale in 4 minuti primi, ha registrato la lettura del padre e me l’ha inviata con WhatsApp, lasciando il povero sconvolto ma… intenzionato a ripetere l’esperienza, magari comprandosi uno Smartphone.

Insomma tutti hanno fatto del loro meglio e anche quelli che sembravano i più restii a cimentarsi in quest’avventura informatica, hanno fatto carte false per stare al passo coi tempi.

scarica-PDF-lunari2017

 

 

Quindi... il file del calendario del 2017, che numm che semm milanes,
el ciamom Lunari
, lo puoi scaricare (gratis, naturalmente) premendo sull'icona uguale a questa a lato, che troverai alla fine del blog, assieme ad alcune utili spiegazioni tecniche per ottenere il miglio risultato.

 

 

Buona lettura e buon ascolto elbor

 

 

 

 Copertina


 000-cover

 

Genar


01-bottini-quadro 
Elio Borgonovo - Ringhera - Òli sora assa di pagn - 84x46x7 cm

 

 

01-bottini
Piera Bottini  
Quand son nassuda l’è minga important,  l’important l’è che son nassuda a Milan,  a Pòrta Genova. Inscì, fin de piscinina, hoo domà sentii a parlà milanes e quand m'è vegnuu voeuja  de cuntà de mì, de la mia gent e de la mia città, son stada domà bòna de fall in dialett.

 

 

  

 

 

Legge Piera Bottini 

  

Milan! Milan!  

In del tò dopo guerra mè Milan
i port avert a tucc te gh’hee lassaa
e quest de già se sà «col coeur in man»
la toa popolazion t’hee triplicaa.  

E in del mes’cioss de tutti sti arios
a pocch a pocch s’emm desmentegaa
inscì simpatich e tanto ceros
la lengua meneghina de parlà.  

Inscì per fass capì tutt’i ambrosian
che i ciaccer per lor hinn necessità
a deven doprà semper l’italian
se voeuren quatter ball podè cascià.  

Ma mì son meneghina e con passion
che de Milan son proppi innamorada
porti bandera o mèj el gonfalon
anca se gh’hann cambiaa on poo la facciada.  

Ma hinn minga riessii a rivoltà
la sagoma del coeur de sta città
in doe’l contrast on’armonia el fa
ai cà de veder coi vegg quadrei rosaa.  

Ai sò navili ai pont che ghe fa arcada,
a la rizzada, ai sass dur di brellin,
cont i barconi che par faghen regada,
ai sò ringher cont i vos di vesin.  

Ai vegg piolett, là doe fann trionfà
con tant amor e la semplicità
la cara… bella… lengua meneghina
che fa sorrid… la nostra MADONNINA.  

Piera Bottini

 

Se ringrazia la sciora Piera Bottini per avè partecipaa con la soa poesia.

 

 

 

Febrar


02-cavanna-quadro 
Elio Borgonovo - Prima di “capsul” del  cafè - Òli sora piattin de legn - 20 cm Ø 

 

 

02-cavanna
Paola Cavanna  
Son nassuda a Milan a l’ombria de la Gesa de San March, che tucc sann che l’è ona bella gesa. I primm poesii hinn staa in italian e gh’avevi domà noeuv ann. Vers i quaranta hoo sentii la voeuja de scriv in del mè dialett, come prima l’aveva anca faa el mè prozio, el Ceser, che l’è staa on poetta milanes. 
I mè primm maester hinn staa el Ceser Comolett e ‘l Claudio Beretta al Circol Filològich Milanes. I gran riferiment de la mia vita poetica hinn e sarann semper la Sciora Enza Pria, l’Antonio Bozzetti e ‘l Maester Ugo Marino, ch’hinn in del mè coeur.

 

 

  

 

Legge Paola Cavanna 

  

Viva l'amor  

Viva l'amor, che l'è ona malattia
che te purisna, la smaggia la toa pell
compagn di s'cioppiroeu, felz, rosolia
te vegn la fever e buscia el scinivell
                   Ma poeu cont ona pezza e on lenimént,
                     el passa el spasim, el passa el spelamént!  

La pareva inguaribil, 'na condanna
la te scurtava el fiaa, fin soffegatt
L'anima in truscia, el coeur che se danna
Sénza famm, sénza sògn, col dà de matt
                   I sciattitt in del vénter s'hinn calmaa
                   anch se on quaivun sul stòmigh gh'è restaa...  

Viva l'amor, che l'è pan di poetta
che spegascen e sbraggen lacrimos
Ma hinn freguj de pan pòss che svelt se netta
con 'na scovada. Tutta quella cros
                   la se sbaratta prest via giò di spall
                   on battiman e s'ciao, torna a fà el ciall!  

Viva l'amor ch'el mel vòlta in asee
e quell che l'è staa dur el troeuva pas
Passion se balca, se   smòlla deperlee
quand passen i bollor, te fa persuas
                   che l'è staa on foeugh de paja, on fogherell
                   l'è staa on topicch, on ròccol per fringuell  

Viva l'amor di ciocch per el piston
e quell per i danee che gh'ha 'l strozzin
quell del sacrista per la soa funzion
quell del sdentaa per el panmoin
                   Viva l'amor ch'el mond el fa girà
                   e quand te giren, se sa come la va....  

Viva l'amor che l'è per tradizion
òrb 'me on tappon e matt come on cavall
fenòmen, 'me se dis, de baraccon
melodrammon de musich rompaball
                   Lacrim e sgar casciaa dent 'na sonada....
                   e tutt finiss  cont ona ziffolada!   

Paola Cavanna  

 

Se ringrazia la sciora Paola Cavanna per avè partecipaa con la soa poesia  

 

 

Marz


03-colombo-quadro 
Elio Borgonovo - La bottega del sbianchin - Òli sora assetta - 29x23 cm

 

 

03-colombo
Renato Colombo  
Mì el Renee son nassuu a Milan el 17 de giugn  del 1945, da semper studios e passionaa del dialett  milanes, sòci de l'Antiga Credenza de  Sant Ambroeus de Milan. Hoo scrivuu e scrivi poesii e stòri in dialett che mì ciami "la mia lingua mader" in quant son nassuu in cà, come se faseva 'na vòlta, e i primm paròll che hoo sentii eren in milanes. L'italian l'hoo imparaa a scòla, menter el dialett, in famiglia soratutt da la mia nòna materna Ròsa gran dòna e gran nòna.

 

 

  

 

 

Legge Pierluigi Crola lettore ufficiale di Renato Colombo

  

El sanguis   

Al dì d'incoeu ghe n'emm de tutti i razz
Mc Donald's, kebab, ristorant cines
Milan l'è tutt pien de cadenazz
se fa fadiga a mangià milanes
ona vòlta i stranier eren i toscan
dess te riconossi pù car Milan.  

Te se ricòrdet quand serom fiolett?
La città d'ona vòlta, i temp indree
quand per pan gh'avevom domà michett
e i a comperaom domà dal prestinee
perchè gh'eren minga i supermercaa
menter incoeu ne semm tucc infesciaa.  

Quand gh'aveom famm toeom 'na michetta
l'era quest el pan de quand serom fioeu
con denter salsiccion ò la filzetta
ròba che se ne troeuva pù incoeu
dess chì a Milan se semm imbarstardii
tròpp stranier, tròpp cines hann dervii.  

Mì voeuri ritrovà la mia michetta
chì bei michett lievitaa, secch, ben còtt
on quaivun le ciama anca rosetta
dess el pan l'è surgelaa, semi còtt
la fraganza d'ona vòlta a gh'emm pù
anca Milan l'ha perduu i sò virtù.  

I virtù ch'hinn ligaa a la tradizion
hann cambiaa tutt, hann cambiaa anca i nòmm
la città l'ha perduu l'ambizion
tra on poo perdaremm anca el Dòmm
“panino?” per numm l'esisteva nò
“sanguis” mì voeuri ciamall ancamò.
Cerchemm de ritroà l'identità
per Milan meravigliosa città.  

Renato Colombo 

 

Se ringrazia el scior Renato Colombo per avè partecipaa con la soa poesia.

 

 

 

April


04-contursi-quadro
Elio Borgonovo - Trii sit - Òli sora carton trattaa - 36x25 cm

 

 

04-contursi
Alberico Contursi detto Bico  
Mì hoo ciappaa passion del mè car dialett milanes in memòria del mè papà, òmm simpatich e irònich,  che’l se divertiva a cuntà-sù stòri e barzellett ai dònn de la cort, che s’cioppaven del rid. Ona bòna ridada la iutta a viv mèj.

 

 

 

 

 

 

Legge Bico 

 

Slusciada de fin estaa 

      La luna la mett sù el cappell,
e in d’on bòtt la se scond
dedree di nivoloni morell
che prometten nagòtta de bon.
Stanòtt el témp
el voeur incagniss.
El  vént el se rinfòrza,
el scorliss i piant,
el s’ceppa i bròcch,
el sbiòtta i ramm,
el fojamm el sgalluscia a molinell
e’l s’impigna contr’on murell.

      E tacca a pioeuv,
i gott ticch tacchen ritmaa su i tecc,
su i gelosii saraa,
compagnaa da tron
e lusnad che disegna firifiss
spegasciaa in del ciel scur.
     In mezz al lett on zappellòtt …
l’è’l sorian citto sòtta i covèrt.
I strad paren torrént
e i otomòbil che passa … barchitt
che sbròffa ondinn.

      El vént rabbios,
la slusciada prepotenta,
inzighen i penser del villan
pront a trebbià ris, melgon
e cattà l’uga.
I praa secch tornarann a rinvegnì
e quattaa d’on moresin mantell.

      Là in fond el ciel
el voeur liberass di nivoloni,
la pioeuva la desmett;
la luna, compagn d’on lampion,  
la s’ciariss la nòtt.
     Ciao caldon …
l’estaa la lassa el pass
al fresch autunn.

       E … la giostra la gira  
e la t’invida a godè i emozion
che vegnen a voltra
e a vess in sentor
del miracol maestos
de natura e stagion.  

Alberico Contursi detto Bico 

 

Se ringrazia el scior Alberico Contursi per avè partecipaa con la soa poesia.

 

 

 

Magg


05-cortellezzi-quadro 
Elio Borgonovo - Fior, finestroeu e velù - Òli sora on coverc de legn d’on quaicòss - 13,5 cm Ø

 

 

05-cortellezzi
Enrica Cortellezzi Parmigiani
Son la sposa d'on pittor e scrivi de poesia. Son minga nassuda a Milan, ma sont innamorada de 'sta città e del sò dialett, che hoo imparaa prima al Filològich e dòpo a El Pontesell. Hoo stampaa trii liber de poesia in milanes e sont adree a pensà al quart, cont i mè poesii e i quader del mè marì.

 

 

  

 

 

Legge Enrica Cortellezzi Parmigiani 

  

Cantà la vita

(Scolti i mè nevoditt cicciorà intra de lor  e me se slarga el coeur)  

Voeuri cantà la vita inscì ‘me l’è
con tutt’i sò misteri e i sò perchè  

la canti per quèll che la m’ha daa
de bèll, de brutt, de ben, de maa,  

per ògni dì che nass divers e noeuf
per ògni dì che moeur e me da pas,  

per la gent incontrada su mia strada
che m’ha daa ‘na man oppur ‘na pertegada,  

per i sofferenz del mond, i tanti cros
che ai mè orazion gh’hann daa la vos,  

per i ròbb bèi che m’hann creaa stupor
per la bontà, i cattiveri, i tròpp dolor!  

E per quèi vosètt che senti cicciorà
continov de vita, freguj d’eternità...    

Sarà ona vos stonada, Signor, la mia    
ma mì canti la vita e così sia!  

Enrica Cortellezzi Parmigiani

 

Se ringrazia la sciora Enrica Cortellezzi Parmigiani per avè partecipaa con la soa poesia.

 

 

 

Giugn


06-gandini-quadro 
Elio Borgonovo - Ma la sarà globalizzazion? - Òli sora tela - 70x50 cm

 

 

06-gandini
Gianfranco Gandini  
El mè nòmm l’è Gianfranco Gandini e me pias cicciarà in milanes e, quand pòdi, anca scriv e parlall con la gent che tutt’i vòlt la se meraviglia per la differenza che gh’è in del scrivel.  Sicchè me fa piesè podè parlà di autor famos che se troeuven in letteradura  e sto mestee el foo al Circol Filològich Milanes e al Museo di Martinitt.  Curi el Sciroeu de Milan che l’è el periòdich de l’Accadèmia del Dialett Milanes, che la me ved come president e scrivi on quaicòss sul Giorno, in ona rubrichetta che la ven foeura al sabet.

 

 

  

 

 

Legge Gianfranco Gandini 

 

In viagg  

Torontotomm, torontotomm,
gh’è on quaicòss  
che me tormenta,
che ’l me dindòna.
Dormì, sognà...
el treno el me mena in gir,
per el mond....
el sò frecass el me compagna
el me inziga,
el me totora.
Fiaa su ’l finestrin,
firifiss di mè sògn, regòrd
nivoleri che, pian pian  
se deslenguen, sgoratten via.
Parpai de fantasii...
Adess voo in d’on paes lontan,
de gent discompagna e, intratanta,
lù, el cicciora, lù  
...torontotomm, torontotomm.
Là, in fond, lontan,  
i lus d’ona città, lus de cà.
A st’ora, a cà mia, sarann adree a...
torontotomm.
Stazion, ma l’è minga la mia,  
mì gh’hoo d’andà pussee lontan,
in d’on paes che hoo mai veduu,
e foeura, in la stazion,  
on ciocch el canta,  
el cerca on quai ghell a la gent
e on fiolin  
el tira i sòcch a soa mader,  
el voeur el sorbett.
Torontotomm, torontotomm,
me pesa i oeucc,
m’indormenti e sògni...
torontotomm, paes lontan,
torontotomm, cà mia...
torontotomm...  

Gianfranco Gandini

 

Se ringrazia el scior Gianfranco Gandini per avè partecipaa con la soa poesia.

  

 

 

Luj


07-giorgetti-quadro
Elio Borgonovo - Ringhera - Òli sora assa di pagn - 84x46x7 cm

 

 

07-giorgetti
Pinuccia Giorgetti 
"Anca se i mè paròll riven de lontan, el mè coeur l'è arent al nòster bell Milan e la nostalgia la me tegn compagnia. Mì me ricòrdi de Milan come l'era allora... saludemm per mì la Madonina."

 

 

 

 

 

Legge Pinuccia Giorgetti

 

El 23 de via Lomellina  

Quand mì seri piscinina
stavi de cà
al vintitrii de la via Lomellina
in periferia,  
lontan de la Madonnina.
Da la mattina a la sera
se viveva on ciccin in cà
ma pussee in ringhera.  

I fioeu giugaven in tra de lor.
I mamm stendeven i pagn,
bagnaven i fior,
cicciaraven con la visina.
Serom minga sciori in de la via
ma se viveva in bòna armonia.  
In del ’45, quand i soldaa
hinn tornaa
de la guerra
el cortil de sera
el se trasformava in balèra.  

Adèss mì son diventada nòna
e, purtròpp, forestera
ma me ricòrdi ancamò
di mè visin de cà:
el scior Giacomo,
la sciora Maria,
la sciora Piera.  

Di vòlt gh’hoo la nostalgia  
de la bella allegria che gh’era
in de la mi cà de ringhera,
al 23 de la via Lomellina,
a Milan, quand mì seri piscinina.  

Pinuccia Giorgetti 

 

Se ringrazia la sciora Pinuccia Giorgetti per avè partecipaa con la soa poesia.

 

 

 

Agost


08-lauzi-quadro
Elio Borgonovo - I lus de la cort - Òli sora assetta de legn - 35x20 cm

 

 

08-lauzi
Ada Lauzi
Son nassuda a Milan in del ‘28. Milan lavoradora, onesta, de bon coeur, la mia Milan che adess... demanenman la moeur...

 

 

 

 

 

 

 

Legge Ada Lauzi

 

 Sera  

(Ispirata ai quadri di Elio Borgonovo)  

Omber tra ciar e scur, ven giò la sera,  
el Togn l’ha tiraa dent la bicicletta,  
desmentegaa sui cord de la ringhera
rest de bugada, on strasc… ona fodretta…  

Omber e  omber … omber de la sera…
col sò pennell l’ha vernisaa d’ombria  
i scal, i ripianitt e la stadera,
el finestroeu de la portineria    

che l’ha smorzaa ‘l ciarìn. Sora ‘l cement
‘na scoa e on portaruff che paren stracch
e spetten on quaivun ch’je tira dent…  


Dedree a la gelosia piang on fiolin…
su la latrina on lampedin bislacch  
testimoni curios d’on quai basin…  

… in córt el vecc trombin
el fa silenzi,  el rimira a coo bass
la riana d’on gotton, sul fond de sass….  

Ada Lauzi

 

Se ringrazia la sciora Ada Lauzi per avè partecipaa con la soa poesia.

 

 

 

Settember


09-menegoni-quadro
Elio Borgonovo - El canton umid - Òli sora assetta s’ceppada - 32,5x21 cm

 

 

09-menegoni
Mario Menegoni
(El Mariett de la Baròna) – class 1924.
“Gh'era on temp che Meneghin
con polenta e codeghin
con busecca e risòtt giald
per tegnì 'l stòmegh al cald
l'ha miss pes e 'l s'è slargaa
Menegon l'è divéntaa!”

 

 

 

 

 

Legge Mario Menegoni

 

Vita de can
El Dick  

In via Campari, gh’è lì on tabacchee
padron d'on bastardin che l'è on bellee
Denanz gh'è 'na piazzetta coi banchett
che se se setta in quatter, trii stann strett  

e poeu l'è minga facil comodass
se gira in gir el nòster satanass!  

'Sto can balòss, el boia, el fa sconquass
el corr, tampina tucc per el sò spass.
Fa i fest ai fioeu, el buscia, el fa el mattòcch
e poeu se tra giò in terra, stracch straccòtt...  

ma guai se in zòna 'l passa anch on cagnon
l'è subit pront in pee, lì a fà question!  

L'è questa la lezion che da la strada
dove l'educazion l'è nò insegnada...
Passa on cagnoeu per ben, tutt profumaa
e 'l nòster ghe va contra infolarmaa.  

Caina el pigottin, consciaa 'me on strasc
e la padròna se le ciappa in brasc...  
...e allora che coragg! Quell d'on leon:
el rògna, el mostra i dént, con convinzion  

Ma al Dick ghe fa rosina e a 'sto tripee,
con la coa drizza, ghe mostra el sò dedree!  

Mario Menegoni - el Mariett de la Baròna

 

Se ringrazia el scior Mario Menegoni per avè partecipaa con la soa poesia.

 

 

 

Ottober


10-pignattai-quadro
Elio Borgonovo - Mèj ligalla anca a mezzdì - Òli sora carton trattaa - 30x22,5 cm

 

 

10-pignattai
Luigi Pignattai Son nassuu in del mes de luj del 1957 a la Mangiagalli. Quand gh’avevi trii dì i mè gent m’hann portaa a cà: Paolo Sarpi, el stèss appartament in doe son denter anmò adèss. In cà parlaven tucc milanes, meno che mì; i fioeu podeven nò, perchè se de nò avarien minga imparaa l’italian. Hoo semper capii tusscòss, ma hoo cominciaa a parlall dòpo i vint ann, quand hoo capii che seri adree a pèrd ona part de la mia cultura. Quand son restaa depermì e gh’avevi pù nissun per parlàgh insèma, m’è vegnuu la nostalgia e hoo cominciaa a andà ai cors de milanes del Filològich.

 

 

 

Legge Luigi Pignattai

 

El Natal d’ona vòlta  

El sècol passaa, quand seri on bagai,
el dì de Natal spettavi el Bambin,
pensavi che lù, inscì piscinin,
el saria vegnuu con tutt’i regai.  

Col temp hoo capii, ma ghe n’è vorsuu,
che l’era illusion e nò verità:
che l’era la mama, che l’era el papà,
a fà la commedia, e m’è dispiasuu.  

I ann hinn passaa, i temp hinn cambiaa,
de mòda gh’è adèss on vègg grand e gròss;
col sò vestii ross el par on balòss,
a cred a quèll lì, ma come se fa?  

Ricevi ancamò on quai presentin,
di amis, di parent me fann on regal.
Ma mì voraria domà el mè Natal,
e sora de tutt el mè bèll Bambin.  

Luigi Pignattai 

 

Se ringrazia el scior Luigi Pignattai per avè partecipaa con la soa poesia. 

 

 

 

November


11-scurati-quadro
Elio Borgonovo - Miscmasc de regòrd - Òli sora carton trattaa - 30x21 cm

 

 

11-scurati
Mario Scurati
Son nassuu in del 36 in ona cà de ringhera. Hoo laoraa domà sessant'ann e m'hann nominaa "maestro del lavoro" con tanto de "Ambrogino D'oro". Gh’hoo avuu la soddisfazion d’avè fornii i “ponteggi” per sistemà el Dòmm e la Madonina e scrivi in milanes.
Hinn on poo de ann che scrivi in milanes e hoo faa quatter librett. L'ultim l'è intitolaa "Cara el mè Mond" e oltra a poesii gh'è sù on poo de pròsa. Speri che resta pizza la mia fantasia per seguità a spegascià!

 

 

 

 

 

Legge Mario Scurati

 

Foeuj secch  

Dì fregg de November
in ciel nivol gris
e sòtta i piant biòtt
voo a spass in del bosch!

Sentee de montagna
tappee de foeuj secch
che scrissen legrios
lì sòtta i mè pee!  

Cicciaren con mì
me cunten la stòria
la vita ch'hann faa
in de la stagion
che 'dess va in pension.  

.....e me disen......  

Nassuu a Primavera
i oggitt emm dervii
poeu m'hann pitturaa
d'on verd delicaa!  

Semm staa su la bròcca
finchè on boff de vent
bisios e on poo fregg
m'ha faa crodà giò.  

'Dess chì su la terra
l'è tutt on scrizzà
se piangiom adòss
diventom freguj!  

La vita la corr
nunch nassum poeu moeurom
finissom in nient....
ma poeu a Primavera cominciom de capp!!  

Mario Scurati 

 

Se ringrazia el scior Mario Scurati per avè partecipaa con la soa poesia.

 

 

 

Dicember


12-torchio -quadro
Elio Borgonovo - El tifos de l’ultim pian - Òli sora assetta de legn - 39x20 cm

 

 

12-torchio
Mario Torchio
Son nassuu a Milan, el 19 de Marz del 1923, sul Navili, squas in faccia
a la Gesetta de San Cristòfen, e pròppi lì son staa battezzaa.
L’è assee per vèss Milanes?

 

 

 

 

 

 

Legge Mario Torchio

 

Milan l’è semper Milan  

In doe l’è el Milan, quèll antigh,
del temp di barconi e di Navili,
con Pòrta Cicca, Giambellin e Ortiga
e di bèi pacciad de mondeghili.  

El Milan di ringher e di abbaitt,
in doe gh’era semper tribuleri,
gent che rideva e la taccava lit,  
tucc, però, se voreven ben sul seri.  

El Gigi de la “gnaccia” col padellon,
che vedevom appèna foeura de la scòla,
la “busecchina” con tanti castegnon
denter  on pedrioeu de carta vioeula.  

E la “gazzosa” con la soa boccètta,  
che per cascialla giò cont el didon,
se correva el ris’c che ne la strètta
ghe restass on tocchèll di tò manon.  

I “peri còtti”, pròppi ona delizia,  
t’je ruzzaven in di man, tucc imbrughent,  
e sbrodolaven giò in  del còll, ona dolcizia,
che te godevet con tutt’i sentiment.  

Gh’è pù el Milan di bèi Casòtt,
di lader balossitt de biciclètt,
di “gratta” e giugador del Lòtt,  
e di gagà miss lì leccaa e bèi nètt.  

Disen tucc che gh’è pù de Milanes!
L’è minga vera! S’te guardet ben assee,
t’je ricognosset fra quèi che fann i spes,
perchè manden on quaivun a dà via i pee!  

Adèss hinn tucc arios, ‘sti bolgiron,
e se dann l’aria de vèss Milanes,
ma gh’hann inscì de corr a tomborlon,  
per somiglià on ciccin a gent cortes.  

La cara città de allora l’è sparida,
ma l’è adree crèss, con tanta volontà,
on’altra gran città, da tucc ambida,
la ciamen “Città Stato”, noeuva milanesità!  

Mario Torchio

 

Se ringrazia el scior Mario Torchio per avè partecipaa con la soa poesia. 

 


 I ringraziament

13-penna 

 

 


El mè papà cuntaa in milanes

Chi conosce papà, ha visto alcune sue mostre, forse conosce anche la sua storia, quella che segue è… in versione milanese. Buona lettura.

elio
Elio Borgonovo l’è nassuu a Milan in del 1930.  
De famiglia proletaria e
di sani principi, l’ha vivuu l’adolescenza al Calvairaa, on rion popolar che ona vòlta l’era a la periferia de Milan.

L’ha cominciaa de giovin, con color e pennèi, ma l’è staa quand che l’ha incontraa la Nemi, che l’ha trovaa el suppòrt e la determinazion de trasformà el sò talent in vera art. L’ha partecipaa e vinciuu important concors de pittura e l’ha  faa diversi esposizion personai, in gallerii prestigios.


In del 1986 i sò quader hinn staa espòst al Museo di Milano, a Palazzo Morando, fatto quest, che l’ha faa cognoss ai milanes, come
“il pittore della vecchia Milano”. 
In del 1987, l’ha faa ona mostra a La Habana (Cuba), soa grand passion, insèma a l’altra, quella de cattà sù cattanaj e ròbb vegg, per conservai come recòrd e toeu l’ispirazion per i sò natur mòrt.  

Con la Nemi l’è andaa a viv a Tenerife per vinticinqu ann, e nanca ses mes dòpo la mòrt de la miee per ona longa malattia, el mal cattiv che de cinqu ann l’era denter de lù, el s’è dissedaa, e l’ha portaa via... ma la soa art l’è ancamò chì.    Elio Borgonovo l’è mòrt a Milan el 31 de genar del 2014.  

 

013-chiusura-quadro 

I titol di quader  hinn minga quèi che el mè papà el gh’avaria daa, ma hinn quèi che mì hoo immaginaa per lù.  

Ringrazi in particolar la Paola Cavanna e la Bianca Mancuso per la consulenza che m’hann daa e la pazienza che gh’hann avuu cont i  mè pastizz. 

 

 


Indicazioni per scaricare e stampare 
el tò Lunari 2017

Caro visitatore… cosa ne dici? Se ti è piaciuta l’iniziativa di fare il calendario, ops.. el Lunari del 2017, dove la pittura di Elio Borgonovo viene affiancata alle poesie di dodici Poeti dialettali milanesi, la maggior perte dei quali ha già collaborato per far crescere il livello ed il gradimento del sito, e vorresti avere la tua copia, puoi scaricare il PDF appositamente preparato.

Alcuni chiarimenti e specifiche tecniche

Una volta scaricato, il file PDF può essere copiato n. volte e passato ad amici e parenti.

Il formato carta (originale) del Lunari è A3, cioè: 29,7x42,0 cm di altezza. La stampa ottimale quindi sarebbe con queste misure, che sono uno standard in tutte le stampanti/fotocopiatrici digitali non domestiche. 

Questo documento PDF, può essere anche ridotto ed adattato al formato A4 (21x29,7 cm di altezza). Naturalmente anche i caratteri si ridurranno proporzionalmente. È a colori, ma può essere stampato in bianco e nero.

El Lunari è formato da 14 fogli: una copertina, 12 fogli per i mesi e l'ultima pagina di chiusura. Possono essere stampare tutte le pagine, ma anche solo quella/e che desideri.

es-appendino
I fogli sono singoli e possono essere raccolti in una spirale con gancetto, come nella foto. Un servizio che molti negozi specializzati offrono.

Quindi, per avere una stampa nel formato originale (A3), puoi copiare il file in una chiavetta USB (nipoti e figli ne hanno sempre una in tasca) e portarla nel centro stampa o nel negozio specializzato più vicino a casa tua e chiedere le stampe delle pagine, nelle copie che desideri.

La spesa media di una stampa a colori in formato A3, richiesta nei centri stampa o negozi specializzati, varia tra gli 0,80/1,00 € a copia. La spesa della spirale da appendere varia da negozio a negozio, ma è nell'ordine dei due euro. 

 

es-grandangolo

 

 

 


via Medeghino, 32 - Milano - tel 02.89531265
mail: fotograndangolo@alice.it
sito: clicca sul suo biglietto da visita per visitarlo

 

Grandangolo, il negozio vicino a casa mia (zona piazza Abbiategrasso - capolinea linea 2) è il service nel quale ho stampato tutte le prove del Lunari prima di metterlo in rete. È gestito da un giovane preparato e disponibile di nome Mirko, "campano"... (ma nessuno è perfetto     ) .
Mirko ha però in archivio una copia del PDF identica a quella che è in rete, e telefonandogli, specificando che sei un visitatore del sito, puoi chiedere di stampare il numero di copie che desideri ed accordarti sul ritiro.
Il prezzo che mi ha indicato per la stampa di un Lunari completo con la spirale, come quella della foto, è di 15,00 euro.

Naturalmente lo stesso servizio lo forniscono MILLE altri service, ai quali puoi rivolgerti.   

Ora sai praticamente tutto, sei pronto per premere sull’immagine qui sotto e scaricare il tuo PDF di... “Pittura e Poesia de Milan in del Lunari 2017” da stampare ed appendere al muro o da tenere sul computer e consultare quand che te voeuret.

 

Se vedom… Ancamò???      elbor

 

scarica-PDF-lunari2017 

 

 

 

Commenti  

#4 maria teresa picceo 2016-12-28 09:10
carissimo Ivo,
veramente bellissimo e nostalgico.
I quadri del tuo papà creano le suggestioni dei presepi napoletani: si avrebbe voglia di entrare a farvi parte.
Citazione
#3 Armando Semplice 2016-12-10 20:59
Bellissim! Grazie a nòmm de tucc quèi che al milanes ghe voeuren nen!!!
Citazione
#2 Ivo 2016-11-21 20:01
Grazie Gianni... se vedom Ivo
Citazione
#1 Gianni Bianchi 2016-11-21 17:17
Ona sola parola: bellissim!!!!
Citazione

Aggiungi commento