009-pinuccia-paris02
Aprile 2016 
Nella mail nella quale chiedevo a Pinuccia il permesso di pubblicare a Marzo, la sua poesia "El 22 Marz del 1948 - el centenari di cinch giornaa de Milan", (per leggerla clicca qui) non ho resistito, dopo i saluti, nemmeno tanto velatamente, le ho messo un bel Ps. con tanto di faccine. smile25x3

 

- Ps. Sono mille le domande che mi suggerisce quella piccola sigla: “.fr”   .

La risposta è stata pronta e cortese e sta iniziando a farmi/ci conoscere una Pinuccia molto interessante e poetica, alla quale credo poter dire, a nome di noi tutti… che denter al coeur se senten Milanes: benvenuta. 

Dalla sua ultima mail: «Io abito da 50 anni nei sobborghi di Parigi e scrivo in dialetto milanese da una decina d'anni. Per l'ortografia mi è d'aiuto essenziale il libero di Cesare Comoletti : " a Milan se scriv insci". Ad un certo momento il dialetto milanese si è imposto a me, come lo spiego nella mia poesia : "El milanes".
Cordiali e meneghini saluti. Pinuccia Giorgetti

Grazie Pinuccia, e grazie della tua poesia, che propongo qui di seguito. 

Ps. smile25x3  Immaginando e sperando tu voglia ancora condividere tue poesie o raccontarci tue riflessioni, (che puoi lasciare anche nello spazio: aggiungi commento), ho voluto crearti una testatina ad hoc, che spero tu gradisca. 

Per dimostrarti il piacere di averti conosciuto e darti il benvenuto nella forma che meglio gestisco, (quella visiva) dopo la tua poesia ti mostro tre appunti che mio padre, elio borgonovo, ha preso nel suo primo viaggio a Parigi, nel… 1968 circa. 

Se scrivom… elbor

 


 

El milanes 
di Pinuccia Giorgetti

Quand a Milan m’hann trovada in di verz

i primm  paroll che m’hann dì eren in milanes.

E semper i mè gent e tutti i parent parlaven inscì,

pròppi tutti quanti...men che mì!

 

Mì dovevi parlà domà in italian

sedenò i mè gent gh’avrien bajaa come i can.

“Tass tosa l’è per el tò ben, per la scòla”

e mi disevi mai nanca ona parola...

 

Ma i paròll, cippilimerlo!

 me restaven in de la memoria,

voeuna a voeuna hinn staa là ben al caldin

come i fior d’estaa stann in del giardin.

Ve conti sù el seguit de la storia...

 

Incoeu, che tanti ann hinn passaa de allora,

quei paròll là voeuren  vegnìi foeura.

Lor hann passaa tropp de temp senza fiadà

e gh’hann pròppi voja de fass on pò ascoltà:

 

...rebelott..quarantott..

..brancada..balossada..

...impiaster..incioster..

...fioeu...cavagnoeu...

...scalfarott...pancott

...malnatt...pignatt...

 

Adasi, adasi,  chichinscì

gh’è el post per tutti vialter

ma per piasè femm nò inciuchì..

vudemm a contà sù di stori ai alter! 

 

009-pinuccia-paris02

 


 

009-pinuccia-paris03

 

009-pinuccia-paris04

 

009-pinuccia-paris05

 

 

 

 

sos-mail 
Se necessiti di un paio di consigli tecnici, per lasciare il tuo commento a questo a questo racconto, clicca sull'icona SOS Mail qui a lato, ed accederai alla scheda tecnica, che in quattro semplici passaggi ti chiarirà tutti i dubbi.
Se scrivom... elbor 

 

 

Aggiungi commento