numm_ghe_la_faremm000
17 Marz 2020

Noi milanesi siamo una classe superiore, la classe non è acqua.

 

 

 

31032020 - 31 + 19

 



Una mia amica che vive in francia* ahhh già… che la conosci anche tu la Pinuccia Giorgetti .

Se sei un habitué del sito sai che si tratta della poetessa che da qualche anno mi regala sue poesie e che quest’anno, assieme alla Piera Bottini, un’altra brava e generosa poetessa, ha arricchito con le sue poesie il tradizionale Lunari de MILAN.
In questi difficili giorni ci sentiamo telefonicamente con maggiore frequenza del solito, e ieri mi ha mandato una mail con un link.
Mi ha fatto scoprire un altro bravo poeta...

 Carletto Oblò

numm_ghe_la_faremm002

Senza menà el can per l’àia… prima di invitarti a leggere due sue componimenti, ti dirò che ho trovato un sito che ha pubblicato altre sue poesie che vale la pena di visitare e deliziarsi.

numm_ghe_la_faremm_milanodavederer 


Clicca su l'icona a lato per visitarlo.

 

 

Intanto ti propongo quella segnalata dalla pinuccia “Quarantena” e “oh mia bella candegina”  .


* Non ho messo di proposito la maiuscola alla parola francia perché non merita. 

Se vedom... elbor

 

Quarantena

di Carletto Oblò

Hinn des dì che stoo in galera,
a fà nient a vègn mai sera
on quaicòss gh’hoo d’inventà…
ècco ‘dèss tacchi a rimà|

Hoo imparaa a fà i mestee
cont on strasc voo avanti e indree,
nètti veder, paviment,
tutt in ordin, gh’è in gir nient.

Gh’hoo la cà che l’è on splendor:
che profumm, che bon odor;
tutt fregaa con candeggina…
hoo finii fin l’Amuchina.

Poeu per fà on quaicòss de bèll
voo in cusina, voo al fornèll:
nètti on verz, dodes pontinn,
on sfilzètt de salamin,

mètti tutt in cassiroeula
e me foo ‘na gran cazzoeula;
on risottin, ‘na formaggiada
e per finì la rossumada.

Me sa tant che in quarantèna
finiroo ‘me ‘na balèna
col bottasc gròss ‘me on ballon…
spostaroo tutt i botton.

Pòdisnà foo ‘n visorin
sul sofà, tra duu cussin
poeu, quand l’ora se fa tarda,
voo dessora, voo in mansarda.

‘Na mezz’ora de ciclette
la rinfòrza i garrètt,
sul tapis foo ‘na corsètta
per calà la mia panscètta.

Quatter ciaccer con la Lèna…
l’è già ora d’andà a zèna.
Hoo finii la mia giornada
‘me voo dii, ‘me l’hoo cuntada,

‘dèss me butti là in poltròna,
on cicchètt bevuu a la bòna,
‘na pippada de trinciaa…
son stracch mòrt ma soddisfaa.

E doman?… a se ripètt
son strasciaa, me butti in lètt.

 

Oh mia bella candeggina

di Carletto Oblò

Disen che con ‘sto virus “sono cavoli”
e francament gh’hann minga tutt’i tòrt,
l’ha giamò impestaa on casin de pòpoli
l’hann dii a la TV on milion de vòlt;
mì speri che se offendarà nissun
se hoo trovaa ‘l rimedi anca per numm

Oh mia bèlla candeggina
che te tègni in di mè man
te consumi ògni mattina
‘me s’el fuss on tòcch de pan,
te fee part de la mia vita
te doperi anca doman
canten tucc
“senza de tì Milan el moeur”
Mì te strengi in di mè man!

Adèss che ’sta faccenda l’è emorragica,
guardèmmes in di oeugg on momentin
sarèmmes in di cà, l’è nò inscì tragica,
se tratta de fà on sfòrz anmò on ciccin
sperèmm che vègna minga la mania
de fà tutt ‘sti corsètt giò in la via….

Oh mia bèlla candeggina
che te tègni in di mè man
te consumi ògni mattina
‘me s’el fuss on tòcch de pan,
te fee part de la mia vita
te doperi anca doman
canten tucc
“senza de tì Milan el moeur”
Mì te strengi in di mè man!

Sù, doprèmm senza paura
candeggina com’el pan
tucc che freghen con passion,
sì sèmm daccòrd,
inscì salvarèmm Milan!

 

 numm_ghe_la_faremm001

 

N.d.r. Coincidenza virali?
Che non telefonavo al Xxxxxx. Ops, mi stava scappando il nome del Carletto, già… perché come avrai intuito Carletto Oblò è uno pseudonimo. L’avevo pensato, così ho provato ad anagrammare le lettere, ma… nulla da fare, nessuna combinazione mi ha ricondotto ad una persona conosciuta.
Ho telefonato all’amica e bravissima poetessa anche in dialetto milanese, la Adriana Scagliola, e le ho chiesto se sapesse chi si nascondesse dietro a quello… oblò.
Mi ha detto che forse poteva saperne di più, un altro ottimo poeta milanese.

Poco prima, un’altra amica (questa volta non poetessa, ma ugualmente creativa) mi ha inviato un divertente video, diventato virale – un termine che di sti tempi non è più di moda usare    che
in seguito ti linkerò. Per fortuna che ghe el WhatsApp in sti temp de COVIDdesnoeuf

Ho chiesto all’amico se conosceva il Carletto Oblò e se pensava che avrebbe reclamato se avessi pubblicato la sua poesia. Il Bossi mi ha detto che lo conosce, ma che ha promesso di non rivelare la sua identità, pena… la perdita dell’amicizia che li lega. Mi ha detto però che non è così burbero come potrebbe apparire considerandolo solo per questa riservatezza, e che a parer suo non si sarebbe opposto.

Felice… gli ho chiesto se poteva almeno dirmi se lo pseudonimo è un anagramma. Non lo è, ma posso dirti come l’ha scelto, mi ha detto l’Edsoardo.
Saprai, mi ha chiesto, che c’è un certo “Carlo Porta” che è un importante poeta milanese. Gli ho risposto affermativamente, confessandogli però che non ho mai letto nulla. (Troppo difficile).

Bene, ha proseguito dicendomi che negli anni ’70, uno scrittore di romanzi in milanese, si firmava Carlo Finestra. Il Xxxxxx ops… di nuovo mi stava sfuggendo il nome. Il poeta misterioso, per rispetto ai precedenti autori, (a questo punto mi è venuto un sospetto   ) ha creato il suo pseudonimo “diminuendo” il nome in Carletto e per coerenza, “Poet e Finesta” in… Oblò.

È stato a quel punto che, pensando al video, ad una delle due poesie, ho chiesto al Bossi: secondo te all’amico segreto piace più l’oblò di una nave o di un aereo. Mmmmm mé fù a savel, ha detto. Alla mi insistenza m’ha risposto, d’aereo.   .

Ti mando un video, giraglielo per favore, mi pare che contenga una divertente coincidenza.

Numm stemm in cà...   .

 

 

 

.

 

 

 
17032020 - start 15