00-riicomincio_da_tre
A settembre, quando ne ho fatto domanda, non potevo immaginare che… “Ricomincio da SEICENTRO” parafrasando il titolo del famoso film di Troisi, sarebbe stato il titolo PERFETTO per questo post di presentazione della Collettiva dei pittori che hanno partecipato a L’AMBROSIN DE LEG.
Lunedì 8 de genar ...2018

 

 

Il 16 dicembre del 2017, nell’ambito della PRIMA edizione de L’AMBROSIN DE LEGN, sono state esposti solo per un paio d’ore, gli originali riprodotti nel calendario “Pittura e Poesia de Milan in del 2018” (ancora disponibile su richiesta).
L’Associazione el gropp - La Milan ligada a l’Arte Meneghina, per ringraziare gli artisti della loro disponibilità si era impegnata ad organizzare una mostra collettiva, nella quale ogni artista potesse esporre, per una decina di giorni, alcune delle proprie opere. Eccola:

dal 27 gennaio al 7 febbraio

presso

Spazio SEICENTRO

di via Savona, 99
a Milano… naturalmente

tutti i giorni dalle 10:00 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 18:00

INAUGURAZIONE

Sabato 27 gennaio

a partire dalle 16:00


Da quel 16 di dicembre, molte volte la terra ha ruotato su se stessa e con essa molte cose sono cambiate e tra queste, alcune preannunciate, come l’impossibilità di vedere esposte le opere dei pittori Carozzi e Cortina, perché le figlie, rispettivamente Ornella e Tiziana, hanno preso nello stesso periodo degli impegni, altre impreviste, come la “trasferta” oltralpe di Roberto Sironi, che lo vedrà impegnato con una serie di esposizioni in alcune importanti città francesi, altre… obbligate, come l’impossibilità di partecipare del bravo Parmigiani .

Se da una parte, queste assenze ci rattristano perché non ci permetteranno di vedere i loro quadri, dall’altra ci consentiranno di apprezzare meglio, avendo maggiore spazio a disposizione, le opere degli altri bravissimi pittori (e non solo) come:
Ezio Soffientini, con i suoi caratteristici scorci meneghini, Adalberto Sampaolo, con le “sue donne” così veritiere nella loro essenzialità figurativa, Gabriella Ripepi, che oltre ai quadri ci proporrà anche alcune sue sculture, Lucio Rastelli, col suo sguardo innamorato per quella Milano che conosciamo ma spesso dimentichiamo, Maria Teresa Piantanida, meglio conosciuta come Mitti, una raffinata artista capace di trasmettere coi suoi acquerelli l’intensità e il carattere di Milano.
E ancora, Gigi Pedroli, un surrealismo che parte dalla realtà, Egidio Guarino, che attraverso il realismo “quotidiano” dei suoi dipinti ci porta a riflettere su temi "scottanti", ed Emilio Formenti, che con le sue forme, i colori ed i riflessi, nei suoi quadri ci spalanca la porta per un ricordo, di una fiaba, o per un sogno.

00-soffientini


Acrilico su tela – 1989

vial del parco, ona ringhera,
ona veggia via, on cantonscell,
i Navili sfumaa da la scighera
de ona città che la me sta a "pennell".

00-sampaolo

Olio su tela - 1988

È stato il primo artista ad aprire uno studio sui Navigli, trasformando quella zona di Milano in una delle più invitanti.

00-ripepi

Tecnica mista 2017
Prima di tutto vivere giorno per giorno

00-rastelli

Olio su tela - 1962
Lucio Rastelli nasce a Milano nel 1929. Si dedica alla pittura ad olio seguendo il maestro Attilio Preda, poi al pastello, affascinato da Boldini. Muore a Como nel 2015.

00-pedroli

Olio su cartone telato - 2014
... Le creature di Pedroli divengono pesciformi, a volerci ricordare della storia dell’evoluzione umana. Nascono così dalle stromatoliti un gruppo di opere intitolate “Evoluzione” ... riflessione dell’artista sulle prime forme di vita terrestre… Laura Palermo.

00-mitti

Acquerello - 2000
Milanese, diplomata Stilista di Moda e Artefici Brera. Dal 1974 numerose personali in Italia ed all’estero. Sue opere al “Museo dell’Acquerello” di Fabriano e al Museo di Santa Margherita Ligure.

00-guarino

Olio su tela - 2017
Originario della Lucania ama e dipinge Milano e le sue differenti espressioni.

00-formenti

Tecnica mista - 2013 “Con la mia pittura desidero creare un’emozione dal bello del creato e da quello che l’uomo, con la propria manualità, ha inserito.

 

00-borgonovo

Òli sora on'antina veggia d'on ciffon che l'avarà trovà in del ruff.

 



Alla collettiva saranno esposte alcune opere di elio-borgonovo (el pittor de la veggia Milan) un’espressione artistica della Milano ormai scomparsa.
Un passato del quale dobbiamo sì mantenere il ricordo e la… “documentazione”, senza però cadere in false ed improbabili nostalgie che potrebbero farci rischiare di perdere le splendide opportunità che il “futuro” offre alla nostra Città.

La rappresentazione grafica di questo concetto, sembra volerla suggerire l’immagine di fondo che ha accompagnato la comunicazione della prima edizione de

00-panorama

 

Per “ringraziare” i poeti della loro disponibilità, era stata studiata una pubblicazione (economica) contenente tutte le 28 poesie pervenute al concorso.
Purtroppo le rotazioni della terra hanno provocato anche un disallineamento che non ha permesso la realizzazione della pubblicazione, che avrebbe dovuto essere presentata all’inaugurazione della collettiva alla quale NON potrai mancare,

Sabato 27 gennaio
a partire dalle ore 16:00

00-seicentro-locandina
La locandina della collettiva

 



P.s. Questo è il dialogo che ha ispirato Massimo Troisi ad intitolare il suo film “Ricomincio da tre". 

« … Troisi: Chell ch’è stato è stato... basta, ricomincio da tre...
Arena: Da zero!...
Troisi: Eh?...
Arena: Da zero: ricomincio da zero. ...»

Ed io l'ho... copiato.

Se vedom... elbor

 

 

 

 

Aggiungi commento